Ise

Bookmark and Share

La città di Ise-shi merita una visita per il suggestivo Ise-Jingu, il santuario scintoista più venerato del Giappone, risalente al III° secolo. Secondo la tradizione scintoista, che viene qui ancora perpetuata, le strutture del santuario (sparse in una vasta area che collega due distinti centri abitati) vengono sostituite a cicli prestabiliti da perfette imitazioni, costruite seguendo le tecniche antiche, senza l’utilizzo di chiodi, ma soltanto di perni e giunture in legno. Nell'area dove sorge il tempio vi sono dunque due luoghi, occupati uno dal tempio in uso e l’altro da quello in costruzione: ogni vent’anni ha luogo la cerimonia del Sengu No Gi, durante la quale viene trasferita la divinità per poi procedere alla demolizione della vecchia struttura. Gli edifici attuali dell’Ise-Jingu sono stati eretti nel 1993.
I principali edifici del santuario sono nascosti alla vista e l’accesso al loro interno è permesso solo alla famiglia imperiale e ad alcuni sacerdoti. Il complesso si divide in due parti: il santuario interno (Naikù), dedicato alla dea del sole (divinità ancestrale della famiglia imperiale e protettrice della nazione), e il santuario esterno (Gekù), dedicato alla dea del cibo, degli indumenti e della casa. Il Naikù è il più venerato in quanto contiene il sacro specchio dell’imperatore, uno dei tre doni regali.
Nelle vicinanze si trovano Toba, importante località di villeggiatura, con il Toba Aquarium e l'Isola delle Perle Mikimot, dove si può osservare la coltivazione e la lavorazione delle perle.